lunedì 11 giugno 2018

Intervista a Fabio Maffia





Salve a tutti, oggi vi parlo dell’autore Fabio Maffia. Passo subito la parola a lui.


Ciao Fabio, com’è nata la tua passione per la scrittura? Ricordi e aneddoti particolari legati ad essa?

Ciao, innanzitutto, grazie per avermi ospitato per quest’intervista. La mia passione è nata quando ho preso in mano il primo libro alle elementari, per cui devo ancora ringraziare la mia maestra di italiano, che terrò sempre nel cuore. Il mio libro è stato per tanto tempo nel cassetto, prima di trovare la sua strada e adesso rimane ancora tutto una scoperta. Come aneddoto posso raccontarti che davvero la mia è una passione cresciuta nel tempo, pensa che ho iniziato fin da piccolo ad intasare il computer (il primo pc di famiglia, che oggi sarebbe considerato probabilmente un reperto archeologico) di incipit di storie fantastiche, mai portate a termine ovviamente, ma curatissime nella grafica e nei font devo ammettere.
Ho sempre voluto scrivere un libro e l’occasione che ha fatto scattare davvero la scintilla è stato una vacanza – studio a Dublino durante l’estate del 2012, già qualche anno fa ormai. Mi sono innamorato delle tradizioni irlandesi e dello spirito dei suoi abitanti, tanto che tornato in Italia non ho potuto fare a meno di scrivere questa storia, che è cresciuta sempre di più negli anni.
 




Di cosa parla il tuo libro?

Allora, il protagonista della storia, Laio, è giovane, più o meno un mio coetaneo, e come me non penserebbe mai che la sua vita possa essere sconvolta da qualcosa, ma si troverà a fare i conti con un passato sconosciuto e un futuro incerto, scoprendo che forse qualcuno ha già tracciato una strada per lui. Scegliere se seguirla o meno sarà difficile, ma sarà proprio questo a portare i lettori ad affezionarsi a Laio, credo. Dopo un trasloco forzato da Londra a Dublino, Laio ha l’occasione per riscoprire le origini irlandesi della sua famiglia. Un antico tomo di leggende e la pietra viola, il cimelio di famiglia che porta al collo da quando è nato, lo condurranno inaspettatamente in una realtà sconosciuta, dove scoprirà di più su stesso e su un potere sconosciuto che vive dentro di lui. Voglio evitare troppi spoiler, per cui lascio scoprire ai lettori il resto.Essi si troveranno a seguire da vicino l’ansia, la paura e la curiosità che guiderà ogni scelta del protagonista e potranno immedesimarsi in lui perché è così che l’ho creato, come una persona qualunque, ma con qualcosa di speciale che lo renderà più forte.
Se volessi riassumere in tre parole il romanzo per spingere dei futuri lettori ad approcciarvisi, userei sicuramente queste: leggende, amicizia e scoperta. Credo che i lettori dovrebbero leggerlo se hanno voglia di viaggiare, con la mente, ma non solo. Quello che racconto in Ethèlion non è solo un viaggio fisico, ma anche di crescita, di scoperta e di emozioni. 



Amazon




Cosa ti sentiresti di consigliare a chi ha la tua stessa passione?

A quelli che condividono questa straordinaria passione, spesso vista in modo strano dalla gente, direi di credere in se stessi e non abbattersi di fronte alle difficoltà, primo fra tutti lo scoglio della pubblicazione. Là fuori è un mare pieno di squali ed è così difficile riuscire ad emergere sani e salvi. Colgo l’occasione per ringraziarti ancora per la possibilità che mi hai dato, è davvero una bella cosa potersi sostenere fra autori esordienti.

Presentazioni, eventi e progetti futuri.

Allora, Ethèlion sarà una trilogia, di cui ho da poco ultimato la stesura del secondo volume, I Giochi del Sangue. Adesso mi appresto ad iniziare la difficile fase di revisione ed editing, che spero di approfondire ancora di più questa volta per dare ai miei lettori un risultato impeccabile. La storia continuerà a muoversi fra le due realtà, ma con nuovi scenari e personaggi. Non voglio svelare troppo, ma i lettori non rimarranno delusi e avranno già molte risposte agli interrogativi del primo libro in questo secondo capitolo. Devo ammettere che scriverlo è stato ancora più divertente, perché se nel primo volume di una saga devi necessariamente presentare personaggi e luoghi, nel seguito puoi muoverti in un mondo già ben delineato e hai molte più possibilità di sviluppare gli stessi protagonisti e i loro rapporti. Per quanto riguarda il terzo libro, la trama è già definita in gran parte, ma adesso aspetterà un pochettino prima di essere scritta, ma comunque un tempo ragionevole, quello sicuramente.Al di fuori di Ethèlion, che al momento è il mio progetto principale, ho un paio di idee in testa (una anche abbozzata su carta) per due romanzi di genere distopico, che vorrei tanto scrivere, ma con la mia vita da studente di architettura è impossibile trovare il tempo per fare tutto. Quando la trilogia sarà completa sicuramente mi dedicherò a questi progetti, che credo mi daranno tante soddisfazioni. 


Dove possono seguirti i lettori? Scatena tutti i tuoi social.

Sono attivissimo (nei limiti del ragionevole ovviamente) su facebook, dove potete trovare la pagina dedicata alla trilogia di Ethèlion, ma anche su instagram. Sulla pagina Ethèlion saga potete trovare tante curiosità, retroscena, colonna sonora e soprattutto le immagini dei personaggi della saga, così come li ho immaginati.
Facebook_ Ehtelion Saga- Fabio Maffia Autore

Instagram_ fab.maf95
 

Ringrazio Fabio per averci dedicato un po’ del suo tempo e vi rimando al prossimo articolo.


Nessun commento:

Posta un commento

Recenti

Recensione della seconda stagione de "I Medici"

La seconda stagione de "I Medici" è stata incentrata su Lorenzo il Magnifico. Un personaggio storico di grande rilievo, che...