venerdì 13 luglio 2018

Intervista a Daniel Di Benedetto





Salve a tutti, oggi vi presento l’autore Daniel di Benedetto. Lascio subito a lui la parola nell’intervista che segue.


Ciao Daniel, com’è nata la tua passione per la scrittura? Ricordi e aneddoti particolari legati ad essa?

Ciao a tutti! La passione per la scrittura è nata e cresciuta di pari passo con quella per la lettura. Con l'adolescenza, il bisogno quasi fisico di scrivere le mie emozioni, i miei pensieri e tutto quello che poteva assomigliare a uno sfogo propedeutico a farmi sentire bene con me stesso è cresciuto fino a diventare quasi fame d'aria.
Ho iniziato giocando con la metrica, come se inventassi testi di canzoni, per poi lasciare spazio libero a qualcosa che poteva somigliare (da lontano) a poesia. A poco a poco, dopo quaderni zeppi di pensieri e parole, sono passato dalla poesia alla prosa, con racconti brevissimi pubblicati su un blog personale che aggiornavo quasi ogni giorno (formalmente quel blog è ancora attivo, ma non scrivo da anni oramai).
Da lì, affinando la tecnica e conoscendo persone meravigliose come Francesca Pace e Valerio La Martire, ho compreso che forse qualcosa da dire potevo averla anche io (bello o brutto non sta a me dirlo, però qualcosa c'è).
Un aneddoto particolare? Mi piace ricordare come alcune delle persone che mi leggevano essenzialmente sul blog, ora siano miei lettori assidui delle storie che metto su carta, dandomi consigli (e anche stroncandomi, se qualcosa non incontra il loro gusto). La vedo un po' come un trait d'union con quello che scrivevo prima.


Amazon




Di cosa parla il tuo libro?

IL SENSO DELLA COLPA, l'ultimo nato tra le mie creature, è un libro di narrativa che parte però con un attacco spiccatamente noir. Il ritrovamento di un cadavere in una stanza d'albergo. A ritrovare il corpo nudo e senza vita di Anna è un maresciallo dei Carabinieri, Giuseppe Occhipinti, che fino a qualche mese prima era un po' il mentore della ragazza. Un migliore amico, un padre o un fratello maggiore, quei rapporti borderline che non hanno confini ben definiti. Giuseppe ha visto crescere Anna in molti modi, proteggendola da tante cose e lei, nonostante tutto, negli ultimi tempi si era allontanata.
Da qui però il libro si dipana in un doppio canale, a binari paralleli. Il lato narrativo e introspettivo prende senza dubbio il sopravvento, raccontando lo struggimento da parte del maresciallo, che si chiede se forse non sia un proprio fallimento il non essere riuscito a proteggere fino in fondo la sua protetta. Mentre dall'altro lato, si cerca di rivivere gli ultimi istanti della vita della ragazza, secondo il punto di vista di diversi personaggi che capitolo dopo capitolo si alternano a raccontare i fatti, ricostruendo la vicenda come tessere di un puzzle dai mille incastri.


Amazon



Cosa ti sentiresti di consigliare a chi ha la tua stessa passione?

Suggerisco di leggere tanto, tantissimo. Non necessariamente testi classici o mostri sacri del genere a voi più congeniale. È bene saper variare, ma è più importante riuscire a creare un intreccio degno di questo nome, rendendo credibili i personaggi e non tratteggiandoli esagerando con i cliché, per non farli diventare macchietta. E poi provare, provare e ancora provare. I “No” fortificano, abbattono il morale in un primo momento e forse vi faranno accarezzare l'idea di non aver nulla da dire, di mollare tutto. Perseverate e ascoltate anche (anzi soprattutto!) i consigli e le critiche, da quelle più costruttive finanche alle cattiverie gratuite. Da tutti c'è da imparare. Lo sbaglio più grande e ahimé più comune che si fa è quello di sentirsi i migliori dell'universo. Quando poi basta un semplice editor che vi “smonta” uno scritto (badate bene, un editor serio vi proporrà solo suggerimenti per migliorare il vostro testo, senza cambiare di propria sponte il senso di quanto avete scritto) per farvi andare su tutte le furie, come fosse lesa maestà. Credetemi, non è proprio così che funziona. Bisogna saper collaborare, avere l'umiltà e la consapevolezza che tutto è sempre migliorabile. Quando poi troverete la vostra strada, tutto sarà più semplice.


Amazon



Presentazioni, eventi e progetti futuri.

L'estate passerà tranquilla. A giorni arriverà la ristampa di IL SENSO DELLA COLPA, che sarà disponibile sul sito della casa editrice, oltre agli store digitali e (su ordinazione) in tutte le librerie italiane.
A luglio, ma la data è ancora da confermare, sarò alla Biblioteca di Cumiana (TO), insieme con un altro autore della zona, a presentare i nostri libri. A settembre invece mi troverete alla fiera del libro di Firenze, per poi andare all'autunno con altri appuntamenti come il Romics o la fiera Più Libri Più Liberi a Roma. Tutti sotto l'egida della Dark Zone!


Dove possono seguirti i lettori? Scatena tutti i tuoi social.

Sono su Facebook, sia con il profilo personale che con quello autore (I libri di Daniel).Mi trovate anche su Twitter, come @DanielHalfangel.Poi su Instagram, anche qui in doppia versione: halfangel81 è il profilo personale, mentre quello autore, collegato alla pagina Facebook, ha lo stesso nome della pagina (i libri di Daniel). 


Grazie dell'attenzione, vi aspetto... e non dimenticate, nel bene e nel male, nel caso in cui decidiate di leggere le mie storie, di lasciarmi un commento, un pensiero, un feedback. Per noi autori emergenti, le vostre impressioni sono importantissime!

Sorridete, sempre.Daniel 


Ringrazio Daniel per averci concesso un po' del suo tempo e vi rimando al prossimo articolo.

Nessun commento:

Posta un commento

Recenti

Intervista a Roberta Canu

Salve a tutti, oggi vi presento l’autrice Roberta Canu. Lascio subito a lei la parola nell’intervista che segue. Ciao Roberta,...