venerdì 29 giugno 2018

Intervista a Massimo Aureli



Newton Compton



Salve a tutti, oggi vi presento l’autore Massimo Aureli. Lascio subito a lui la parola nell’intervista che segue.
 

Ciao Massimo, com’è nata la tua passione per la scrittura? Ricordi e aneddoti particolari legati ad essa?

Ciao a tutti! Grazie Francesco per lo spazio!
Non posso stabilire con esattezza il giorno in cui è nata la mia passione per la scrittura. Credo che una passione forte sia tale proprio perché ce l’hai dentro. Infatti ricordo che già da bambino amavo appuntare frasi nel primo pezzetto di carta che trovavo. Però, il primo accenno di scrittura vera e propria, lo ricordo ancora. Avevo dodici anni. Deluso per aver finito di leggere un bel libro che mi era stato regalato, ho pensato: “Ma se scrivessi una storia io?” Ero piccolo ma mi cimentai lo stesso nell’impresa. Scrissi il mio primo racconto.

 

Ricordo ancora quando nell’adolescenza mi cimentai nella realizzazione di un racconto breve. Fu una vera soddisfazione perché suscitò sorpresa ed emozione in una professoressa della mia scuola che scriveva recensioni per lo spettacolo e la cultura. Lei mi incoraggiò a continuare a scrivere e a non fermarmi mai. In realtà, finiti gli studi, mi fermai. Ma la scrittura mi venne a cercare perché, dopo una serie di diversi lavori, venni assunto da una biblioteca. Lì, inutile dirlo, mi ritornò la voglia di scrivere anche se non trovavo mai il tempo per iniziare. “La scrittura” mi cercava e io la snobbavo... purtroppo!
Un aneddoto? Quando, dopo molto, presi la decisione di tornare a scrivere e smettere di allontanare dalla mia vita “la scrittura”, dissi a me stesso: “Ora ti siedi e ricominci... ma basta racconti, Massimo... ora ti siedi, studi e scrivi un romanzo storico”. Non l’avevo mai fatto ma mi ha appassionato fin da subito! Ecco come è nato “I pilastri della cattedrale”.

 


Di cosa parla il tuo libro?

Parla di un giovane che si trova nella difficile situazione di scegliere che impronta dare alla sua vita. Lo deve fare, però, dovendo decidere se stare, o meno, dalla parte di chi fa il male anche se è colui che l’ha cresciuto.
Dovrà scegliere se ricercare la ricchezza e il potere oppure la vita onesta.
Tutto nel difficile periodo del medioevo.
Nei blog, scelti dalla Newton Compton per fare le recensioni e presenti nella card qui sotto, è espresso molto bene ciò che si può trovare ne “I pilastri della cattedrale”.






Cosa ti sentiresti di consigliare a chi ha la tua stessa passione?

Continuare a scrivere, scrivere e... scrivere. Indipendentemente da quale progetto si ha o si cerchi di realizzare, è importante continuare a esprimere e a trasformare quello che si ha nella mente in parole, frasi e racconti, che facciano emozionare chiunque.
 


Presentazioni, eventi e progetti futuri.

Progetti futuri? Continuare a scrivere, e riuscire a pubblicare il secondo romanzo che è in cantiere... ma di cui ancora non posso dire nulla...
 


Dove possono seguirti i lettori? Scatena tutti i tuoi social.

Facebook: Massimo Aureli - Newton Compton
Twitter: @massimoaureli
 Qui condividerò con tutti voi ogni evento che sarà organizzato!
Un abbraccio a tutti, e a presto!
 


Ringrazio Massimo per la sua disponibilità e vi rimando al prossimo articolo.


lunedì 25 giugno 2018

Recensione della seconda stagione di Luke Cage





No spoiler 


Il nostro Luke Cage ritorna dopo la serie di Defenders. La seconda stagione del nostro powerman di Harlem si è rivelata una vera sorpresa, molto di più rispetto alla prima, più introduttiva delle origini del protagonista. In questo secondo show si parte con un Luke Cage molto sicuro di sé, un personaggio pubblico di cui tutti parlano e attorno il quale nasce anche un vero e proprio merchandising con magliette e gadget vari. Ma le sicurezze di Luke non coincidono con quelle della sua ragazza Claire e della detective Misty Night, con un braccio in meno dopo gli eventi di Defenders. Entrambi i personaggi femminili hanno una certa difficoltà a riabituarsi a una vita normale per validi motivi. Claire non riesce a convivere con le certezze di Luke, mentre Misty prova a ritornare a lavoro tra mille difficoltà.





Ma le certezze di Luke vengono meno con l'arrivo ad Harlem di Bushmaster, un nuovo villain forte quasi quanto lui, per non parlare delle solite trame intessute dalla ex consigliera Mariah Dillard e del suo Shades, sempre nel mirino di Luke. 





Detto questo, mi fermo qui per arrivare alle conclusioni generali. Non è semplice riassumere in poche parole i 13 episodi di questa seconda. Posso dire di aver apprezzato tantissimo questo show, perché ha cercato di sviluppare il più possibile la storyline di tutti i personaggi, buoni o cattivi che fossero, introducendo delle novità, con collegamenti anche ai fumetti.





Inoltre, ho trovato molto interessanti i continui ribaltamenti e le alleanze più assurde che si sono venute a creare fino a una conclusione del tutto inaspettata. Sono rimasto davvero stupito, non mi aspettavo le tante migliorie apportate, tanto che aveva iniziato la visione di questa seconda stagione senza troppe aspettative, soprattutto dopo la seconda stagione di Jessica Jones, un po' troppo ripetitiva e sottotono a mio avviso. Luke, invece, è stato mostrato come un personaggio molto cresciuto, sempre in prima linea per combattere il crimine, arrivando spesso a compromessi difficili solo a pensarci. Qui entra in gioco anche la definizione di eroe mercenario, con chiaro riferimento ai fumetti. Anche gli altri personaggi ben figurano con tutte le loro motivazione di fondo, soprattutto i villains con il loro attaccamento subdolo all'onore e alla famiglia, di cui continuano a trascinarsi dietro colpe e tanto sangue. Consiglio questa seconda stagione, che si merita un bel 8, senza alcun ripensamento.

Intervista a Pietro Ferruzzi





Salve a tutti, oggi vi presento l’autore Pietro Ferruzzi. Lascio subito a lui la parola nell’intervista che segue.


Ciao Pietro, com’è nata la tua passione per la scrittura? Ricordi e aneddoti particolari legati ad essa?

Buongiorno Francesco, prima di tutto grazie per questa opportunità, ottenere un po’ di visibilità è importantissimo per noi autori esordienti, purtroppo se il lettore non ti conosce è difficile che voglia darti una possibilità.Ho iniziato da piccolissimo quando andavano di moda i libri games di Lupo Solitario passavo le ore a scrivere avventure a scelta multipla o ambientazioni per Dungeons and Dragons (mitici anni ‘90). Crescendo mi sono dilettato con stornelli in rima improvvisati e poi veri e propri testi Rap. Insomma mi è sempre piaciuto giocare con le parole.Soltanto da più grandicello, quindi pochi anni fa, sono riuscito a coronare il sogno di scrivere una storia completa e, da cosa nasce cosa… praticamente sono partito da un racconto e adesso ho due romanzi auto-conclusivi pubblicati.


Di cosa parla il tuo libro?

Sono due libri: Il Sigillo di Aetherea e Il Ritorno dei Berserker. Sono due romanzi fantasy di genere epico (alcuni li hanno anche definiti di formazione, sword&sorcery, low e high fantasy…); io amo definirli fantasy classico visto che ripresenta tutti i clichè del Fantasy in chiave moderna, anche se l’ambientazione è pur sempre di tipo medievale. Ok, adesso sto andando fuori tema: torniamo alla domanda di cosa parla il libro…Ci troviamo nelle terre di Oppas, dove umani e troll convivono dopo un’alleanza stretta per sconfiggere un nemico comune. I troll non sono i classici troll stupidi ma hanno una struttura sociale ben definita e sono comunque intelligenti (ispirati a Hennen e Brooks). Con l’arrivo degli umani i nani se ne sono andati a sud pur mantenendo contatti commerciali, mentre gli elfi hanno preso la via del mare e avranno un ruolo molto marginale in queste due storie.Le terre di Oppas vivono un periodo felice e di ricostruzione quando inizia la nuova ERA della LUNA ROSSA (da cui questo ciclo di storie prende il nome); antiche superstizioni indicano che la luna rossa sia foriera di sciagure e, beh, in ogni leggenda si nasconde un fondo di verità….Più filoni narrativi si intrecceranno per seguire le vicissitudini di tanti personaggi tra cui un gruppetto di ragazzi che affronteranno il loro percorso di maturazione dietro l’occulta regia della dea Aetherea.



IBS



Il ritorno dei berserker è il sequel che narra fatti svolti venti primavere dopo la fine del primo libro e riproporrà alcuni personaggi già conosciuti, nuove leggendarie creature e tante battaglie.Non voglio ammorbarvi oltre, posso solo dirvi che chi ama il genere fantasy classico e ha letto i miei libri non ne è rimasto deluso, anzi chi ha avuto il tempo e la voglia di lasciare una recensione (e parlo anche di blogger non solo lettori) ne ha parlato molto bene e per me questa è stata una grandissima soddisfazione che, nonostante tutte le mie insicurezze e dubbi, mi spinge verso la scrittura di una terza e ultima storia.


Cosa ti sentiresti di consigliare a chi ha la tua stessa passione?

Di non reprimerla, di non farsi abbattere, di leggere tantissimo, confrontarsi con altri autori e anche se per motivi personali, familiari o lavorativi non si riesce a coltivarla, di alimentarla come un nucleo di brace viva sotto il mucchio di cenere, mentre aspetta trepidante di ravvivare le sue fiamme con nuovo combustibile.


Presentazioni, eventi e progetti futuri.

Dopo aver rescisso il contratto con la casa editrice di esordio (Ed. Campanila) ho pubblicato entrambi i libri con IDEA (Immagina di Essere Altro), un progetto editoriale che ho abbracciato con enorme entusiasmo. Insieme agli altri autori di IDEA, agli illustratori, ai promoter e a Claudia Cintio (editor e responsabile della promozione) stiamo lavorando attivamente per farci conoscere da nuovi lettori. Quello che posso assicurarvi è che chi ha acquistato i loro libri ne è rimasto talmente soddisfatto da comprare e leggere anche gli altri autori.Personalmente sono un po’ allergico alle presentazioni perché non essendo conosciuto le poche che ho fatto sono state divertenti e coinvolgenti ma per contattare più persone forse facevo prima ad alzare il telefono e chiamare numeri a caso dall’elenco. Però ecco, il futuro lo vedo roseo e dovrei partecipare con IDEA alla Fiera Firenze Libro Aperto (28-30 settembre) e magari riescono pure a farmi fare una presentazione come si deve. Poi dovrei partecipare alla fiera a Pordenone e al Romics prima della fine del 2018.


Dove possono seguirti i lettori? Scatena tutti i tuoi social.

Oh Mamma! La lista è lunga, siete pronti?Blog dove racconto delle mie avventure da esordiente allo sbando e in più recensisco altri autori esordienti come me: Esordiente allo sbando.Pagina Facebook: L'Era della Luna Rossa. Un like è sempre graditissimo.Profilo twitter e instagram: Pietrof_76 seguitemi.Sono anche su Goodreads.Poi vi consiglio la pagina Facebook di IDEA Immagina Di Essere Altro, date un’occhiata anche agli altri autori sono davvero bravi.Grazie di avermi sopportato fino a qui e grazie ancora a Francesco Ambrosio per lo spazio concesso.


Ringrazio Pietro per la sua disponibilità e vi rimando al prossimo articolo.


venerdì 22 giugno 2018

Intervista a Pietro Tulipano






Salve a tutti, oggi vi presento l’autore Pietro Tulipano. Passo subito la parola a lui. 


Ciao Pietro, come nasce la tua passione per la scrittura? Aneddoti e ricordi particolari legati ad essa?

Ciao Francesco! La passione per la scrittura credo mi abbia sempre accompagnato, anche quando non mi dedicavo ai romanzi. Mi è sempre piaciuto scrivere, fosse anche solo per annotarmi dei pensieri.La scelta di lavorare a un libro vero e proprio è avvenuta in un momento non facile della mia vita, quando tutto il resto non andava mai come speravo. È stato un modo di mettermi alla prova, di sperimentare le mie capacità. Ad essere sincero, ero anche curioso di vedere se ci fossi riuscito, non avevo mai scritto un libro prima e non avevo idea di come sarebbe stato il risultato.Quello che non avevo considerato, è che così facendo ho risvegliato una passione enorme. Una passione che, come ho detto, c’è sempre stata e ho scoperto di esserne dipendente.Così, oggi, a un anno dalla prima pubblicazione, mi trovo con un secondo libro pubblicato, tanti lavori in ballo e ancora molte idee da realizzare. 


Di cosa parlano i tuoi libri?

Il Cavaliere Nero è un romanzo a sé, autoconclusivo. Parto dicendo che è un fantasy atipico, a cui ho voluto dare un taglio molto esistenzialista.È un libro che parla sostanzialmente del male, e del rapporto/scontro che l’uomo ha con esso. Quando parlo di male, intendo sia un male esterno all’essere umano che uno interiore.A differenza di molti altri fantasy, qui il protagonista non è il classico eroe destinato a grandi azioni e che scoprirà il suo valore salvando il mondo dal disastro. Nel mio romanzo, il mondo non è in pericolo, non c’è nulla che minacci di sconvolgerlo. Riguardo al protagonista, più che di una sua crescita parliamo di una sua caduta: non compie la sua avventura per diventare un eroe, all’inizio del libro è già l’eroe più amato di sempre. Assistiamo invece a una sua caduta, complice quel male di cui parlavo prima, in cui dolore, ossessione, vendetta lo portano a compiere un viaggio che ha valore per lui soltanto, che deve affrontare i suoi demoni incarnati nel Cavaliere Nero (antagonista che diventa simbolo del male). 



Amazon




I Quattro Regni, invece, è molto più classico. È il primo libro che ho scritto e al momento lo abbiamo ritirato in attesa che esca la nuova edizione. In questo caso, ho voluto pescare a piene mani dalla tradizione del fantasy, in particolare da quella tolkeniana, ed unirla a un mondo nuovo dove ho ricostruito molte situazioni analoghe a quelle del nostro passato. Anche in questo libro i protagonisti attraversano un cammino non solo fisico, ma interiore. A differenza che nel Cavaliere Nero, però, si tratta di un viaggio di crescita, ma non per questo meno complicato: spesso scopriranno verità capaci di minare le loro più intime convinzioni.
 


Cosa ti sentiresti di consigliare a chi ha la tua stessa passione?

Di provare! Proprio come ho fatto io. Non possiamo sapere di cosa siamo capaci finché non ci mettiamo all’opera.Consiglio di credere fortemente in se stessi, perché nessuno lo farà al nostro posto se noi per primi abdichiamo.Consiglio di non chiudersi mai a critiche e consigli, perché nessuno è perfetto e noi non facciamo eccezione. Bisogna saper riconoscere le critiche mosse a fin di bene, nel nostro interesse, atte a farci migliorare.Consiglio, infine, di non scadere mai nell’arroganza. Ma questo, a ben pensare, vale sia per la scrittura che per tutto il resto. 


Presentazioni, eventi e progetti futuri.

Sarò molto attivo sui social, in particolar modo Facebook, dove farò molte presentazioni virtuali con le classiche “giornate autore” nei gruppi dedicati alla letteratura. Voglio anche organizzare delle presentazioni e delle giornate in cui appostarmi a firmare copie in qualche libreria qui a Milano, ma per questo ci vorrà ancora un po’. 


Dove possono seguirti i lettori? Sfoga tutti i tuoi social.

I miei canali sono principalmente due.Su Facebook potete trovare la mia pagina “Pietro Tulipano Autore” e anche il mio profilo personale. Pietro Tulipano.Su Instagram, dove mi sponsorizzo ogni tanto con qualche foto e annuncio, vi basterà cercare: pietrotulipano.



Ringrazio Pietro per averci concesso un po' del suo tempo e vi rimando al prossimo articolo.


 


mercoledì 20 giugno 2018

Intervista ad Alex Ferrarella




Salve a tutti oggi vi presento l’autore Alex Ferrarella. Conosciamolo meglio in questa intervista.


Ciao Alex, come nasce la tua passione per la scrittura? Aneddoti e ricordi particolari legati ad essa?

Ciao a tutti, mi chiamo Alex Ferrarella e vivo a Bra, un paesino in provincia di Cuneo, in Piemonte.Beh, che dire, la mia passione per la scrittura nasce un po' tardi a dire la verità. Avevo quasi vent’anni e mi dilettavo nel leggere libri fantasy. Nel mio tempo libero li divoravo uno dopo l’altro, seguendone le ambientazioni e le storie. Immaginando, alla fine di ogni libro, come sarebbe potuta proseguire la vita di quei personaggi inventati da altri, oltre l’ultima pagina del romanzo. Finché mi sono detto, perché non provare ad inventare io una storia. Perché non essere io stesso il fautore di ciò che avveniva nel mio mondo personale.Credo che ciò che abbia realmente risvegliato in me questa passione sia stata un’occasione in particolare. Avevo dodici anni, un’estate. Leggevo il signore degli anelli. Unico, indimenticabile. Ero in vacanza da mio cugino e dormivo in camera sua, su un materasso, come se fossi in campeggio. Leggevo con la piccola luce di una pila e divoravo il capolavoro Tolkeiniano. Arrivato alla presunta morte di Frodo per opera di Shelob, mi sono accorto di quanto la lettura mi avesse trasportato in quel mondo. Ero stato rapito e conquistato. Anni dopo ho realizzato che avrei voluto cercare di far provare questa stessa emozione a chi mi stava accanto.Così ho iniziato a scrivere.



IBS




Di cosa parla il tuo libro?

Il mio libro narra le avventure di un ragazzo normale, che ha sempre vissuto una vita piatta e monotona, in un villaggio non toccato da una guerra tra due regni opposti che dura da trent’anni. Come detto, la vita di questo ragazzo, Zartam, scorre tranquilla, fino a che non ritrova un antico artefatto. Una sfera della magia. Da quell’istante la sua vita diventa un turbinio di azione e di pericoli. Verrà gettato in un mondo a lui sconosciuto che gli dimostrerà fin quanto in basso gli uomini possano arrivare quando sono in ballo il potere e la gloria.Cosa ti sentiresti di consigliare a chi ha la tua stessa passione?Mi sento di consigliare a chi, come me, ha una passione nel cuore, di non mollare mai. Di non arrendersi a tutte le avversità che può portare questo splendido mondo. Se avete nel cuore la voglia di scrivere, fatelo. Continuate. Ricavatevi un briciolo di tempo nelle vostre vite sempre di corsa e scrivete. Io lo faccio. Faccio un lavoro che mi lascia poco più di qualche ora al giorno e cerco di investirla nel creare il mio mondo. Tenete duro e non mollate mai.


Presentazioni, eventi e progetti futuri.

Naturalmente il progetto futuro prevede due seguiti a questo primo libro. “Una nuova guerra”, il prossimo libro, è quasi concluso, mentre il terzo è già programmato ed è in attesa che le mie dita lo rendano reale.


Dove possono seguirti i lettori? Scatena tutti i tuoi social.

Il libro è reperibile in tutte le librerie d’Italia, basta ordinarlo ed arriva in una settimana lavorativa. Su Amazon, su Ibs e su Libroco, è disponibile nel giro di due/tre giorni lavorativi. Inoltre si può comprare sul sito della casa editrice. Se invece siete interessati sull’andamento del romanzo o sul leggere alcuni estratti la pagina Facebook Le avventure di Zartam, attende il vostro like con molto interesse.Per chi volesse acquistarlo e mettere il mi piace alla pagina, sarei curioso di sapere cosa ne pensate del libro.Grazie a Francesco Ambrosio per la sua cortesia. 


Ringrazio Alex per averci concesso un po’ del suo tempo e vi rimando al prossimo articolo.


lunedì 18 giugno 2018

Intervista a Marco Volpe





Salve a tutti, oggi vi presento l’autore Marco Volpe, autore della saga del “Il Kyls’Ahr”. Passo subito la parola a lui. 


Ciao Marco, come nasce la tua passione per la scrittura? Aneddoti e ricordi particolari legati ad essa?

Ciao Francesco e grazie per questo spazio!La mia passione per la scrittura nasce in modo arcano. Se ci penso, onestamente, non trovo una risposta unica, ma direi più che è germogliata per una serie di eventi che si possono concatenare. Mi sono avvicinato al mondo del Fantasy non come scrittore, e nemmeno come lettore: ma come giocatore di ruolo. Ho scoperto il mondo di Dungeons & Dragons  a tredici anni, credo nel più classico dei modi: casa di montagna, caminetto acceso in un pomeriggio nevoso. Il mio master (e unico, in realtà, perché poi dopo quell’esperienza iniziai io a tirare i fili della sorte dei pg degli amici) riuscì a trasmettermi qualcosa che mi colpì nel profondo: la sua passione per il mondo che aveva creato. Da allora mi sono appassionato al maestro Tolkien e a quelli che mi piace definire i “suoi seguaci”, tra i quali inserisco anche me. Mi sono nutrito dei mondi creati dai “Grandi” del fantastico, ho viaggiato con i loro protagonisti e, nelle loro vicissitudini, ho pianto e riso al loro fianco. Quando sono emerso da quegli universi ho capito che anche io, nel mio piccolo, avevo incominciato a costruire il mio: perciò lo buttai giù su molti fogli di carta, lo feci giocare e conoscere ai miei compagni di avventura di gdr. Nacque così Azura: e quella è un po’ la mia seconda casa, io conosco tutti in quel luogo; e lo trovo affascinante!
 Quindi, appurato che il gioco di ruolo sia stato certamente fondamentale per questa mia passione, il vero approccio alla scrittura è arrivato con l’elaborazione di un lutto. Ho scoperto che in Azura potevo dare sfogo ai miei pensieri, potevo plasmarli secondo le necessità. La scrittura mi ha teso la mano e mi ha indicato il percorso che avrei potuto seguire per lenire le ferite e crescere: perciò l’ho imboccato senza farle domande, come un fedele seguace. Ed eccomi qui, ancora oggi, che cammino sul suo sentiero e mi accoccolo ai suoi umori.
 





Di cosa parla la tua saga?

La saga del Kyls’Ahr, che significa Figlio dei Cieli nella lingua che ho studiato e definito per Azura, segue, per l’appunto, il percorso del Figlio dei Cieli. Nelle prime battute dell’opera, dopo aver trattato la cosmologia dell’universo, vengono subito presentati due dei personaggi chiave dell’intera saga: Alaran, il neonato che viene portato su Azura da una mistica creatura celeste, e Nathee, una giovane donna umana che, reduce dalla perdita del suo compagno, accoglie questo bambino come se ne fosse la madre biologica.
Un gesto d’amore, questo, che pone Azura sulla strada del tracollo. Alaran è il Figlio dei Cieli destinato a portare la luce in un mondo che sarà avvolto dalle tenebre. Nathee, prendendolo con sé, lo strappa tuttavia a quel fato luminoso mettendo in serio pericolo il continuum del mondo intero.
Tra molteplici personaggi e razze che si muovono alle sue spalle, in un mondo dalle sfumature ricche e dettagliate, Alaran dovrà prendere consapevolezza di chi egli sia in realtà, affinché Azura abbia una possibilità di salvezza. Eppure, il cammino di Alaran si presenta da subito ricco di asperità e difficoltà: e lui, nel modo più assoluto, è impreparato a fronteggiarle.
 


Cosa ti sentiresti di consigliare a chi ha la tua stessa passione?

Io sono un semplice scrittore che, a malapena, conosce la direzione che vuole imprimere alla propria opera e che si sta adoperando per farla diventare il proprio lavoro. Perciò non ho né l’esperienza per elargire consigli né, tantomeno, posseggo la chiave per far avverare il mio sogno. L’unica cosa che ho appreso, sia nella vita che in questo mio primo periodo di autore, è che alla base di tutto vi deve essere una volontà adamantina a muovere i propri passi: altrimenti non si fa altro che errare senza una precisa meta.
 

Presentazioni, eventi e progetti futuri.

Parto dal fondo, ovvero dai progetti futuri! I diritti del Kyls’Ahr, a seguito della vittoria della Quinta edizione del Premio Nazionale Letteratura Italiana Contemporanea, erano stati ceduti a una noeap che, con mia amara sorpresa, ha fatto quello che voglio definire “il minimo indispensabile” per promuoverla e distribuirla, non partecipando a fiere di settore o muovendosi sul territorio. Perciò, a pochissimi mesi dalla pubblicazione, ho voluto riprendere ogni mio diritto d’autore. Da qui, il primissimo progetto: non mi sento portato a essere autore self e, a ragion veduta, voglio puntare a una CE seria che creda nel mio progetto editoriale e che mi dia la possibilità di far davvero conoscere l’opera e ciò che ha da offrire. Il secondo progetto, al quale mi sto dedicando nel poco tempo libero a disposizione, è terminare la stesura del terzo volume (il secondo è già scritto). Poi ne ho molti altri, sempre legati al mondo editoriale, che custodisco gelosamente nel profondo.Il prossimo evento al quale parteciperò, in cui presenterò il mio romanzo d’esordio, è una meravigliosa iniziativa giunta alla sua nona edizione: Sentieri Tolkieniani, il 02 e il 03 di Giugno. Non voglio rovinare la bellezza dell’evento riducendolo a poche e forse banali parole, perciò preferisco lasciare il link dello stesso! Inoltre, sono particolarmente emozionato perché dopo aver partecipato al Comicon di Napoli, al Comics di La Spezia e a un paio di iniziative milanesi, finalmente, “gioco in casa” nella provincia di Torino.
Sentieritolkeniani

Infine spero di partecipare a moltissime altre iniziative, ma sotto il ragguardevole marchio di una nuova casa editrice 


Dove possono seguirti i lettori? Sfoga tutti i tuoi social.Ho un profilo Facebook, uno Twitter e uno di Instagram. Sto lavorando al sito che sarà online, spero, a breve!

Kyls Ahr_ La saga

Marco Volpe_Author

Volpe_Author

Data la mia volontà nel proseguire la strada di autore edito non ho un portale online dove si possa acquistare il volume. Chiunque fosse interessato ad acquistare il libro cartaceo mi può contattare in qualsiasi momento e provvederò io all’incartamento e alla spedizione: ovviamente compresa nel prezzo!
 

Ringrazio Marco per la sua disponibilità e vi rimando al prossimo articolo.


venerdì 15 giugno 2018

Intervista a Fabio Larcher




Salve a tutti, oggi vi presento l’autore Fabio Larcher. Lascio subito la parola a lui nell’intervista che segue. 


Ciao Fabio, parlaci di te e della tua passione per la scrittura? Ricordi e aneddoti legati ad essa?

C’era una volta un bambino curioso, che amava disegnare e leggere. Un giorno incappò ne «Il Signore degli Anelli» e gli venne voglia di perpetuare il senso del meraviglioso che tale lettura aveva suscitato nella sua piccola mente; perciò si trasformò in un “imitatore” di Tolkien e in un lettore vorace. Queste due attività ebbero per conseguenza che, a mano a mano, scoprì un sacco di scrittori bravissimi, ognuno con un tono e un colore particolari e, da imitatore monocorde, si trasformò in imitatore seriale. Ecco, in breve, la storia di come andai a scuola dai Grandi e imparai a scrivere (se mai ho davvero imparato). Te l’ho raccontata sinteticamente ma questa fase durò ben oltre i trent’anni. Nel frattempo ho frequentato l’università, ho aperto e chiuso una casa editrice, aperto e chiuso una libreria, mi sono sposato, ho contribuito a fare un bambino, mi è cresciuta la barba e la barba ha cominciato a sfoggiare qualche filo d’argento. Scrivere è qualcosa che sai quando cominci e non sai mai quando finisci, e soprattutto “come”.Sì, aneddoti ne avrei, alcuni pure divertenti (a posteriori e in forza d’ironia, mai completamente positivi), ma mi avvalgo della facoltà di non rispondere, perché dovrei tirare in ballo altre persone e, magari, quelle persone non sarebbero felici di ballare. Scrivendo ed editando, comunque, si fanno un sacco di conoscenze e si impara ad apprezzare sempre di più i libri e sempre di meno gli scrittori e gli editori. Io che ho fatto entrambe le cose posso ben dire, dunque, di volermi molto bene. 




Amazon





Di cosa parlano i tuoi libri?

Già. Di che cosa parlano i miei libri? Di primo acchito potrei rispondere: di tutto! Amore, sesso, commedia, uomini, donne, elfi, bambini, rock’n’roll e magia. Ma sarebbe un modo per non rispondere, giusto? E allora sappi che, pur nella diversità delle storie, delle ambientazioni e del tono, i miei libri sono tutti fiabe. Li ho costruiti (dapprima inconsciamente; poi, dopo qualche studio e qualche riflessione, con cognizione) seguendo la struttura dei miti e dei racconti folklorici. Ne consegue che i temi “veri” in essi trattati sono principalmente: i sogni e la morte.



Amazon




Suona funesto, ma non suonerebbe così se avessimo l’onestà di ammettere che anche il resto della letteratura, spogliato dai fronzoli, in fondo parla proprio di questo. Perciò aspettatevi gaie avventure dal sapore fantascientifico («Calasperio – Attraverso il Syvyys»), scanzonate indagini elfiche (Wylo Helig, «Un delitto al rosmarino» e «Il Mostro della mostra»), automi senzienti e cannibali nella Londra di fine Ottocento («Automata homenaria»), fiabe erotiche dall’onomastica bresciana («L’antimago»), rockettari ossessionati dai demoni («La donna elettrica») e tante altre (spero) piacevoli sciocchezzuole; ma io sempre dell’Al di là sto parlando, di com’è fatto, del perché è fatto com’è fatto, del come ci si comporta a tavola con i Signori delle anime nude, se non si vuole finire all’inferno. 



Amazon






Cosa ti sentiresti di consigliare a chi ha la tua stessa passione?

Niente. Ecco che cosa consiglierei. Se la vocazione è sincera, se la malattia (libido scribendi) è incurabile, ogni cosa avverrà da sé. Se la domanda sottintendeva, però, il quesito: “Come si arriva a pubblicare e a campare di scrittura?”, allora potrei risponderti: “Realisticamente, non si può”. Si può pubblicare, si può perfino attrarre la simpatia di qualche benevolo lettore che non sia nostro parente stretto, si può addirittura giungere alla vetta di una pubblicazione con Mondadori! Sì qualche volta misteriosamente succede. Ma chi scrive può fare solo questo: scrivere cose sincere, non essere servo di nessuno, sentirsi solo e sentirsi sempre sbagliato. Il resto è nelle mani di Dio. Rassegniamoci.   


Amazon





Presentazioni, eventi e progetti futuri.

Progetti tanti, eventi nessuno. Ci ho messo la faccia e il cuore per tanti anni; adesso ho appeso il pistolotto al chiodo: non ho pistolotti da fare a nessuno. Se volete leggere ciò che scrivo, ben contento; se non vi garba, ben contento lo stesso. Se vi sto simpatico per uscire a chiacchierare di donne nude, massimi sistemi e minimi storici, con birra e sigarette a portata di mano, ma non ve ne frega niente di conoscere i miei meravigliosi personaggi Giovanni Calasperio, Wylo Helig, MaiMai Nasodoro, Blass etc., meglio ancora. Sono un quarantenne appassito e ho delle priorità. Lascio gli eventi e il Mercato ai giovinotti ricchi di energia e di speranza. 



Amazon





Dove possono seguirti i lettori? Scatena tutti i tuoi social.

Ho una pagina facebook, sulla quale mi diverto a postare pensieri, recensioni, filastrocche in dialetto, musiche da me composte, video maldestri da me cuciti insieme alla buona, poesie e aforismi. Cerco di non annoiare, ma non so se sia umanamente possibile non annoiare parlando, in fondo, di sé.Fabio Larcher 




Amazon





Ringrazio Fabio per averci concesso un po’ del suo tempo e vi rimando al prossimo articolo.

Recenti

Intervista a Roberta Canu

Salve a tutti, oggi vi presento l’autrice Roberta Canu. Lascio subito a lei la parola nell’intervista che segue. Ciao Roberta,...